Lecco riconosciuta ”Città Equosolidale”

Armando Volontè, Prashanth Cattaneo, Virginio Brivio, Francesca Bonacina, Elisabetta Rusconi, Giovanni Valsecchi

Lecco Città Equosolidale. E’ questa l’onorificenza che il capoluogo di provincia riceverà venerdì prossimo 20 maggio, direttamente dalla Faitrade Italia, consorzio senza scopo di lucro costituito da organismi che operano nella cooperazione internazionale, nella solidarietà e nel commercio equo e solidale, sorto nel 1994 per diffondere nella grande distribuzione i prodotti del mercato equo.

Prashanth Cattaneo (PD)

Questa la ciliegina sulla torta di quello che in realtà risulta essere un grande progetto volto alla promozione e allo sviluppo concreto del commercio equo e solidale e che verrà promosso con una tre giorni di eventi e iniziative che prenderanno il via venerdì 20 per concludersi domenica 22. Progetto, va ricordato, presentato in Consiglio comunale dal consigliere Prashanth Cattaneo (PD).

“Ciò che verrà assegnato alla Città di Lecco non è una coccarda da mettere sul petto, ma sarà il primo passo di un lavoro importante”, ha spiegato il sindaco Virginio Brivio che ha poi spiegato come su larga scala il commercio equo e solidale è paragonabile alla filiera corta che troviamo già sul nostro territorio e legata ai nostri prodotti. “Nel caso del commercio equo e solidale i confini della globalizzazione li possiamo osservare da un punto di vista positivo, ovvero non un ostacolo all’uguaglianza tra i popoli”.

A spiegare in cosa consiste il progetto nel concreto è l’assessore alla Promozione della Partecipazione, della Sussidiarietà e della Coesione Sociale Francesca Bonacina: “E’ giunto il momento di passare dalle parole ai fatti, anche partendo da azioni semplici, come per esempio l’introduzione nella ristorazione scolastica di prodotti equo e solidali compatibili con i menù , mantenendo sempre un’attenzione particolare al prezzo, è la stessa cosa coinvolgerà anche i distributori di competenza comunale. La parte a mio avviso più interessante del progetto è quella relativa alla sensibilizzazione dei bambini, dei ragazzi e dei cittadini tutti. Grazie alla cooperativa Mondo Equo cercheremo di far prendere alla cittadinanza la consapevolezza sull’importanza delle scelte che si compiono ogni volta che si acquista e si consuma cibo o altro”.

Elisabetta Rusconi e Giovanni Valsecchi di Mondo Equo

A rappresentare la cooperativa Mondo Equo Giovanni Valsecchi ed Elisabetta Rusconi. “La nostra cooperativa è sorta 10 anni fa ereditando un’attività nata nel 1993 -ha spiegato Valsecchi – oggi Mondo Equo è presente sul territorio con tre punti vendita: Calolzio, Mandello e Lecco. Qui vengono commercializzate diverse tipologie di prodotti ed è un lavoro che viene portato avanti da volontari”. “Uno degli obiettivi di questa iniziativa – ha proseguito Rusconi – è quello di sensibilizzare e quindi coinvolgere le nuove generazioni. Da qui l’idea di bussare alla porta del Comune di Lecco e di conseguenza la stesura del programma di aventi che scandiranno le giornate di venerdì 20 maggio, sabato 21 e domenica 22 che avranno come location piazza Cermenati”.

Si tratta di una serie di iniziative finalizzate a sensibilizzare tutti, soprattutto gli studenti e i giovani, sull’importanza di forme di consumo eque e sostenibili.

L’assessore al Commercio Armando Volontè ha concluso ricordando come: “La filiera corta anche nell’ambito del commercio equo e solidale è garanzia di maggior controlli e quindi miglior qualità”.

Sotto il programma della tre giorni e qui il link del video