Il piano triennale 2011 - 2014

Piano per uno sviluppo responsabile

Documento sulle linee programmatiche e strategiche 2011-2014

La Cooperativa Mondo equo intende…” proteggere i diritti umani promuovendo giustizia sociale, sostenibilità ambientale e sicurezza economica…”


La nostra cooperativa è nata come associazione e si è evoluta in questi anni assumendo i caratteri più complessi di un ente di vera e propria economia solidale, che ha unificato e coordinato le prassi delle tre botteghe di Mandello del Lario, Calolziocorte e Lecco.

Il complesso percorso che l’ha portata ad essere ciò che è oggi è stato possibile grazie all’entusiasmo, al senso di responsabilità e alle fatiche di soci e volontari, tutti ispirati dai principi di solidarietà e giustizia sociale ed economica del commercio equo, del consumo critico e della fratellanza tra popoli.

“La Cooperativa … si propone di offrire ai propri soci la possibilità di accedere all’acquisto di prodotti provenienti dal circuito del commercio equo e solidale e dalle cooperative sociali agevolando l’incontro tra consumatori dei paesi sviluppati e produttori dei paesi economicamente meno sviluppati o, comunque, di produttori impegnati a sostenere e promuovere lo sviluppo economico e sociale e la difesa dell’ambiente.”

 

Particolarmente difficili, nel processo di crescita della Cooperativa Mondo Equo, sono stati gli anni di disaffezione al commercio equo successivi al boom di adesione emotiva avuta agli inizi del nuovo millennio. Si è scelto perciò di aderire al Consorzio Altromercato di cui condividiamo la visione di un’azione commerciale legata a una visione politica, per razionalizzare il funzionamento delle botteghe, anche attraverso una maggiore professionalità di dipendenti e volontari e, non ultimo, per l’appoggio economico.

Finalità

Le finalità che si propone Mondo Equo per questo triennio, in accordo con quanto previsto nello statuto, sono le seguenti:

 

. Mantenere sul territorio la presenza di un luogo di commercio di prodotti che garantiscano il rispetto dei diritti umani dei produttori dei Paesi in via di sviluppo;

 

. Proporre, attraverso le botteghe, occasioni di incontro, di confronto e di scambio di informazioni, in relazione all’oggetto sociale, anche in collaborazione con le altre realtà del Comes attive nel Lecchese;

 

 Promuovere la partecipazione dei soci alle attività della cooperativa, creando delle strutture organizzative in cui essi possano collocarsi per poter operare al meglio;

 

 Potenziare e consolidare una rete solidale e collaborativa con le altre agenzie del territorio che condividono le finalità della Cooperativa;

 

 Creare sul territorio occasioni di formazione per la popolazione, orientate verso il consumo critico, la sobrietà, il rispetto dell’ambiente e la solidarietà;

 

. Creare nelle scuole della provincia occasioni di formazione per bambini, ragazzi e giovani sul consumo critico, gli stili di vita eco-compatibili, il commercio equo e la solidarietà tra i popoli;

 

. Aumentare l’attenzione alla chiarezza del messaggio politico legato alle nostre finalità e alla nostra identità anche mediante azioni di sensibilizzazione nei confronti delle amministrazioni del territorio.

 

LE BOTTEGHE: LUOGHI DI SCAMBI ECONOMICI EQUI E LUOGHI DI CONFRONTO

 

La Cooperativa Mondo Equo:

 

“Si propone di…migliorare le condizioni di vita dei produttori aumentandone l’accesso al mercato, rafforzando le organizzazioni di produttori, pagando un prezzo migliore ed assicurando continuità nelle relazioni commerciali;

promuovere opportunità di sviluppo per produttori svantaggiati, specialmente gruppi di donne e popolazioni indigene e proteggere bambini dallo sfruttamento del processo produttivo”

 

Ci impegneremo per consolidare e migliorare l’attività quotidiana delle tre botteghe e per ampliare il circuito commerciale equo e solidale nel nostro territorio, evidenziando la dimensione di cambiamento culturale e materiale ad esso legata.

Promuoveremo la diffusione e la conoscenza dei prodotti del commercio equo anche in realtà commerciali tradizionali.

         

In questo senso, la Cooperativa intende

 

“promuovere opportunità di sviluppo per produttori svantaggiati, specialmente gruppi di donne e popolazioni indigene e proteggere bambini dallo sfruttamento del processo produttivo…

sostenere, anche tramite progetti specifici, la cooperazione internazionale e l’autosviluppo economico e sociale di produttori svantaggiati e/o cooperative di produttori dei paesi economicamente meno sviluppati”

 

Per difficoltà organizzative, economiche e politiche abbiamo dovuto abbandonare “Al Badia”, progetto di importazione di abiti e accessori ricamati a mano da donne profughe palestinesi.

Intendiamo quindi individuare un nuovo progetto di importazione diretta così da garantire una vita dignitosa a una comunità di un Paese in via di sviluppo, consapevoli della serietà organizzativa e della responsabilità etica e morale che comporta avviare una relazione commerciale e solidale di questo tipo.

In accordo col nostro statuto ci orienteremo verso il sostegno di progetti che coinvolgano donne lavoratrici.

 

Obiettivi:

-   potenziare il numero e la qualità delle relazioni con partner del commercio tradizionale;

-   sviluppare il canale distributivo della ristorazione, anche attraverso l’adesione a iniziative come “Il Circolo del cibo” proposta da Ctm Altromercato;

-   individuazione di un progetto di importazione diretta compatibile con le nostre risorse.

 

LA COOPERATIVA: LUOGO DI PARTECIPAZIONE

      La partecipazione di soci e volontari è un presupposto fondamentale per garantire il funzionamento efficace della Cooperativa e il conseguimento degli obiettivi sociali ed economici. E’ quindi opportuno procedere a una migliore distribuzione di incarichi, ruoli e responsabilità.

Per favorire l’aumento della consapevolezza di tutti coloro che operano all’interno delle botteghe sarà inoltre necessario promuovere una formazione continua attraverso incontri e corsi di approfondimento sui progetti e sulle tematiche connesse al consumo critico. Questi momenti saranno anche occasione di aggregazione per i gruppi che gestiscono i singoli punti vendita.

 

“La cooperativa intende, inoltre, operare fattivamente al fine di stimolare uno spirito di previdenza e di risparmio etico tra i soci e i consumatori.”

 

     Riteniamo fondamentale che soci e volontari siano informati circa l’andamento economico delle botteghe e della Cooperativa in quanto solo una maggiore consapevolezza porta a un aumento della responsabilizzazione dei singoli.

La Cooperativa Mondo Equo, sulla scia di varie altre realtà di commercio equosolidale, ha attivato, nel 2007, la raccolta di prestito sociale. I soci possono dunque sostenere finanziariamente le iniziative della Cooperativa e la diffusione di un commercio più equo.

Per la nostra realtà è una priorità quella di far riflettere sui propri investimenti personali e sensibilizzare a un uso più consapevole dei propri risparmi.

 

Obiettivo del triennio:

-   organizzazione:

  1. odi incontri con i produttori del Sud del mondo;
  2. odi momenti conviviali tra i volontari;
  3. odi serate a tema sul commercio equo;
  4. odi un corso di approfondimento sulla finanza etica e sul consumo critico;

-   sensibilizzazione dei soci a un maggiore investimento nella Cooperativa sia in termini di assunzione di responsabilità specifiche sia attraverso la sottoscrizione del prestito sociale

-   realizzazione di un sito internet e adozione degli strumenti informatici divenuti necessari per agevolare a tutti l’accesso alla Cooperativa;

-   sollecito alla riattivazione delle proposte dell’”Associazione Equosolidale”, realtà che riunisce i volontari attivi nelle nostre botteghe.

 

 

IL TERRITORIO: I RAPPORTI CON LE SCUOLE E LE INIZIATIVE DI INFORMAZIONE DESTINATE AGLI ADULTI

 

La Cooperativa ha lo scopo di:

 

“stimolare la consapevolezza dei consumatori sugli effetti negativi che il commercio internazionale ha sui produttori, affinché possano esercitare il proprio potere di acquisto in maniera critica

divulgare informazioni, anche tramite la vendita di prodotti, sui meccanismi economici di sfruttamento che hanno provocato il sottosviluppo al fine di favorire nei consumatori la crescita di un atteggiamento critico al modello economico dominante e la ricerca di un nuovo modello di sviluppo”

 

LE SCUOLE

 

Negli ultimi anni è migliorata la nostra presenza nelle scuole della provincia con iniziative e itinerari formativi che propongono a bambini e ragazzi stili di vita consapevoli e rispettosi dell’ambiente e dei diritti umani.

In particolare, abbiamo collaborato a diversi livelli con l’Istituto statale di istruzione superiore “Bertacchi” di Lecco: dall’”Equobar” gestito dagli studenti, a itinerari di formazione di vario tipo, alla sfilata di moda equo-solidale. Inoltre siamo intervenuti in alcune scuole primarie di Calolziocorte e Mandello del Lario su temi specifici.

Nel prossimo triennio cercheremo di darci una struttura più stabile e organizzata che si occupi degli interventi destinati a bambini e ragazzi.

Ci proponiamo inoltre di collaborare con un maggior numero di scuole con proposte sia formulate in autonomia sia in rete con associazione ed enti del territorio.

Tutto ciò nella consapevolezza che l’adesione al commercio-equo e a stili di vita rispettosi dei diritti umani e dell’ambiente non può essere solo di tipo emotivo ma deve maturare in ciascuno attraverso percorsi di riflessione e di presa di coscienza di sé e della realtà complessa in cui viviamo.

 

Obiettivi:

-   consolidamento dei rapporti con gli istituti scolastici con cui già collaboriamo;

-   offerta di opportunità di stage o volontariato a studenti del territorio;

-   ricerca di nuove scuole interessate ad approfondire le tematiche del Comes.

 

 

LE INIZIATIVE DI FORMAZIONE DESTINATE AI CITTADINI

Giustizia, equità, sostenibilità aziendale e sociale, parità uomo/donna, dignità della persona: questi sono i principi ai quali i soci della Cooperativa sono invitati a ispirarsi così da testimoniarli sul territorio col proprio stile di vita.

A questo proposito la Cooperativa cercherà di comprendere e rispondere alle esigenze di formazione in primo luogo dei soci e, più in generale, del territorio di appartenenza. Dal canto loro i soci possono chiedere l’approfondimento di temi al centro dell’attenzione del mondo Comes. E a quanti danno la loro disponibilità in qualità di volontari delle botteghe saranno proposti incontri di approfondimento sulla gestione della bottega.

 

Obiettivi:

-   stimolo ai frequentatori delle botteghe all’adozione di stili di vita sostenibili;

-   offerta di iniziative di formazione e informazione anche su richiesta di soci e volontari.

 

 

IL TERRITORIO: LA RETE CON ENTI E ASSOCIAZIONI

La Cooperativa collabora sul territorio con varie realtà caratterizzate da sensibilità affini: dalla “Comunità di Via Gaggio” al Movimento Consumatori e al Gruppo d’acquisto solidale “La Comunità della Sporta” di Lecco, dall’associazione “L’Altra Via” di Calolziocorte alla “Casa delle Associazioni” di Mandello del Lario.

Vorremmo incrementare la partecipazione ad iniziative ed eventi sul territorio, come occasione sia di vendita di prodotti sia di confronto, scambio e condivisione di percorsi di azione con le realtà a noi affini.

 

Obiettivi:

-   potenziare la collaborazione con enti e associazioni formali e

informali che condividono le nostre finalità;

-   sollecito alla costituzione di una sorta di “Tavolo permanente” di confronto tra le realtà provinciali del Commercio equosolidale anche alla luce della collaborazione nata a seguito dell’adesione di Lecco a “Città Equosolidale”;

-   sollecito all’avvio di un percorso che, in collaborazione con altre realtà territoriali pubbliche e private, possa portare alla realizzazione di un “Distretto di economia solidale”.

 

Login

Siamo soci di:

altromercato

altravia

altreconomia

banca-etica-big

 

Nelle nostre botteghe:

Ecco i marchi che si possono trovare nelle nostre botteghe

 

libera-terra